Sorrento dista meno di dieci chilometri dalle Terme dello Scrajo. Esistente quando fu fondata Roma; col nome di Terra della Sirene, Sirentum, oppure da surrèo, scorrere, suggerito ai greci affascinati dai tanti rivoli che sfociavano in mare, Sorrento affonda le sue origini in età paleolitica. Una città autentico castrum difeso in tre lati da valloni e nel quarto dal mare da cui si eleva di circa cinquanta metri. All’epoca romana municipium ed alla fine del primo millennio ducato, con moneta propria, dal Sarno alla Punta della Campanella. La città si sviluppò secondo i canoni urbanistici di epoca greco-romana con i decumani ed i cardini, rispettivamente da est ad ovest e da nord a sud: oggi identificati in Via San Cesareo e Via Santa Maria della Pietà, i primi, e Via Tasso e Via Reginaldo Giuliani i secondi, con quattro porte di cui la più importante verso il “Piano” sulla quale era posta la statua del santo Protettore Sant’Antonino. Monumenti più importanti il Chiostro di San Francasco, di realizzazione trecentesca, dove si svolgono da diversi decenni gli spettacoli dell’Estate Musicale-Festival Sorrentino, il campanile della Chiesa Cattedrale, il Sedil Dominova ed alcuni fabbricati lungo Santa Maria della Pietà. L’economia sorrentina, che impegna e coinvolge l’intera penisola, ha come pilastro portante il turismo sviluppatosi eccezionalmente all’epoca del Grand Tour nel XVIII e XIX secolo. Sorrento è stata sempre meta di visitatori, italiani e stranieri, che l’hanno descritta e dipinta indicandola come una delle principali città turistiche d’Italia. Ne descrissero la bellezza e persino le virtù terapeutiche in pregevoli testimonianze Pitloo, Giacinto Gigante, Charles Dickens, Wolfgang Goethe, Friedrich Nietzsche, Ibsen e Gorki. Nella seconda metà del XIX secolo Sorrento fu meta di tutti i regnanti europei: nel 1873 la Zarina Maria Alexardrowna la  scelse  per le sue vacanze ricevendo la visita dei reali d’Italia nello stesso albergo in cui due anni prima la Gran Duchessa Maria di Russia aveva celebrato il suo fidanzamento ufficiale con il duca Alfredo di Edimburgo. Visitarono la patria del Tasso: Lady Morgan, il Duca di Wellington, Luigi II di Baviera, Federico di Prussia, Eugenia Imperatrice di Francia, Il Principe di Galles, il Re Oscar di Svezia ed il Papa Pio IX. Oggi Sorrento è un’eccezionale centro di escursioni per visitare Capri e la Costiera Amalfitana, Napoli ed il Vesuvio.

Comments are closed.